Jean d'Ormesson

Jean d'Ormesson è nato il 16 giugno 1925 a Parigi ed è uno dei più celebri scrittori e intellettuali francesi. Tradotto in tutto il mondo, è membro dell'Académie Française ed è stato per anni direttore di «Le Figaro». È stato presidente del Consiglio internazionale della filosofia e delle scienze umane dell'Unesco e ambasciatore francese all'Onu. I suoi libri più noti in Italia sono A Dio piacendo, La gloria dell'Impero, Il vento della sera, Il romanzo dell'ebreo errante. Le sue ultime opere Che cosa strana è il mondo, Un giorno me ne andrò senza aver detto tutto e Il mio canto di speranza, tutte pubblicate in Italia da Edizioni Clichy, sono state in Francia autentici casi editoriali, restando per mesi nei primi cinque posti dei libri più venduti e facendo di d'Ormesson uno degli scrittori più amati dalle nuove e nuovissime generazioni di lettori. Ad inizio 2015 l'autore è stato incluso - unico vivente insieme a Milan Kundera - nella "Bibliothèque de la Pléiade", la più prestigiosa collana letteraria al mondo, pubblicata dall'editore parigino Gallimard, per cura filologica, introduzioni e apparati critici.

Rassegna stampa > Autore >

Seguici su