Olivier Rolin

Nato a Boulogne-Billancourt nel 1947, Olivier Rolin è stato uno dei protagonisti del Maggio Francese nel 1968. È stato giornalista per «Libération» e «Nouvel Observateur». Nel 1983 ha pubblicato il suo primo romanzo, Phénomène futur, ma il suo più grande successo rimane Tigre en papier, del 2002, mai pubblicato finora in Italia. Ha scritto racconti di viaggio (En Russie e Paysages originels). Nel 1993, con Port Soudan (pubblicato in Italia da Donzelli), si è aggiudicato il Prix Fémina. Tra le altre sue opere: L’invention du monde, Méroe (pubblicato in Italia da Passigli), Suite à l’Hotel Crystal e Rooms. Barbès Editore ha pubblicato i suoi Un cacciatore di leoni e Baku, ultimi giorni.

Rassegna stampa > Autore >

Seguici su