preloader
Torna in cima
Condividi

Gwenaëlle Aubry

Nata nel 1971, dopo gli studi all’ENS de la rue d’Ulm e al Trinity College di Cambridge e un soggiorno di studio alla Scuola Normale di Pisa, Gwenaëlle Aubry si afferma come filosofa, traduttrice e studiosa dei filosofi greci antichi, diventa ricercatrice al CNRS e dal 2002 insegna alla Sorbonne di Parigi. Dopo numerosi saggi di filosofia, nel 1999 esordisce come narratrice con il romanzo Le Diable
détacheur. Nel 2002 pubblica L’isolement e dopo un soggiorno a Villa Medici a Roma, nel 2007 pubblica Notre vie s’use en transfigurations. Ma è nel 2009, con Nessuno, vincitore del Prix Fémina e pubblicato in Italia da Barbès, che Gwenaëlle Aubry conosce il grande successo, e viene salutata come una delle scrittrici più interessanti della nuova generazione. Destini, uscito in Francia nel 2012, è
stato candidato ai maggiori premi d’Oltralpe, compreso il prestigioso Prix Goncourt.