preloader
Torna in cima
Condividi

Margaret Rose

Margaret Rose ha insegnato British Theatre Studies and Performance presso l’Università degli Studi di Milano, dove è ancora docente a contratto. Ha diretto e dirige laboratori teatrali sia nelle università che nei teatri, in Italia e all’estero. Da vent’anni scrive per il teatro e la radio testi che riadattano Shakespeare e pièce che indagano le questioni della migrazione e del multiculturalismo. Di recente la sua attenzione si è focalizzata sulla lettura del teatro sha­kespeariano alla luce di questioni legate all’ambiente, con opere ambientate in giardini e orti botanici, come A Walk in Shakespeare’s Garden e Ofelia, donna delle erbe, con il sostegno del Polo Museale della Lombardia. In corso di elaborazione, il documentario Shakespeare, Arlecchino and Green Passion (insieme ai filmmaker Liz e James Willetts), che è parte del Green Shakespeare Project. È co-curatrice, insieme ad Alberto Madricardo e Paolo Pup­pa, del laboratorio permanente Teatro di Cittadinanza dell’associazione «P.E.R. Venezia consapevole». Nel 2019 ha fondato insieme a Salvatore Cabras e Julia Holden «English Theatre Milano», che oltre a importare a Milano spettacoli in lingua inglese, si propone di creare una comunità di appassionati. Dirige la collana «Intercultural Theatre, Teatro in­terculturale» (Milano, Ledizioni). Oltre a numerosi articoli e saggi critici ha recentemente co-curato Shakespeare Our Personal Trainer (con C. Paravano e R. Situlin, 2019) e ExpoSha­kespeare. Il Sommo Gourmet, il cibo e i cannibali (con P. Caponi, M. Cavecchi, 2016).