Free Call +39 055 3996466

Antonio Armano, giornalista, ha iniziato a scrivere viaggiando in Est Europa e coltivando lo studio delle lingue slave (russo e ceco). Nel 1999 ha condensato questa esperienza in un racconto di viaggio, Hotel Mosca (Edizioni Dell'Arco), particolarmente apprezzato da Predrag Matvejević. Per i venti anni del crollo del Muro ha realizzato un reportage sulle tracce della Cortina di Ferro, da Travemünde a Trieste, pubblicato dal settimanale polacco Polityka. È autore del libro-inchiesta Maledizioni. Processi, sequestri e censure a scrittori e editori in Italia dal dopoguerra a oggi, anzi domani, edito da Aragno, ristampato dalla Bur nel maggio 2014, grazie all'intervento di Aldo Busi, e finalista al premio Viareggio. Nel 2016 ha pubblicato con Clichy Sex Advisor, un'indagine sulla prostituzione attraverso le "recensioni" dei clienti, territorio nuovo e mai esplorato, ricco di racconti ed esperienze. Ha collaborato con diverse testate, in particolare su temi culturali. È stato redattore di Saturno, inserto culturale del Fatto. Attualmente collabora con il Fatto, Touring Magazine e altre testate. Fa parte della giuria del premio letterario Guido Morselli per romanzi inediti. La signora col cagnolino e le nuove russe col pitbull è il suo quinto libro.

Trova il tuo libro

Armano Antonio / Ricerca per autore
  • In offerta!

    La signora col cagnolino e le nuove russe col pitbull

    di Antonio Armano

    Un viaggio nelle città mitiche dell’Est Europa, tra il glorioso passato artistico e il problematico presente

    Con ironia, uno stile di scrittura da grande narrazione, ma anche grande profondità e senso di umanità, il giornalista Antonio Armano racconta la Russia che era e quella che è diventata, gli incontri casuali con la gente e le sue storie in un interminabile viaggio nelle città mitiche dell’Est Europa. Jalta (Crimea), dalla Signora col cagnolino di Čechov alle nuove russe col pitbull. Vitebsk (Bielorussia), dai fidanzatini di Chagall alle ragazze radioattive (Černobyl’ non è lontana). Kaliningrad (Russia, già Königsberg), da Kant alla foresta ubriaca. Drohobyč (Ucraina), da Bruno Schulz ai pic-nic sulle fosse comuni. Černivci (Ucraina), da Von Rezzori alle badanti. Višegrad (Repubblica serba di Bosnia), pulizie etniche sul ponte sulla Drina. Nymburk (Repubblica ceca), Hrabal e la cittadina dove il tempo non si è fermato. Bender, Transnistria, un caffè con la nonna di Lilin. Odessa (Ucraina), da Babel’ a Bang & Olufsen.

    18,00 17,10 Acquista
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Simple Share Buttons