Free Call +39 055 3996466

Jane Birkin è nata a Chelsea, uno dei più bei quartieri di Londra, nel 1946, figlia di una celebre attrice teatrale e di un ammiraglio della marina inglese che era stato tra i protagonisti della leggendaria vicenda di Dunkerque. Dotata di una bellezza e di un fascino quasi magici, a 19 anni sposa il compositore premio Oscar John Barry, con il quale ha la figlia Kate, ed esordisce nel cinema prima con Richard Lester e subito dopo in Blow Up di Antonioni. Poco dopo conosce Serge Gainsbourg, se ne innamora e diventa la sua musa, raggiungendo la celebrità planetaria con la sua scandalosa interpretazione della canzone Je t’aime... moi non plus. Ha una figlia con lui, la celeberrima Charlotte, e poi, quando lo lascia dopo dodici anni, un’altra, Lou, con il regista Jacques Doillon. Ha recitato in un centinaio di film, tra cui La piscina, Assassinio sul Nilo, Daddy Nostalgie, La bella scontrosa, La figlia di un soldato non piange mai, e inciso una ventina di dischi.

Trova il tuo libro

Birkin Jane / Ricerca per autore
  • In offerta!

    Munkey Diaries

    Jane Birkin

    La «Swinging London» degli anni Sessanta e la «Saint-Germain-des-Prés» degli anni Settanta nei ricordi annotati giorno per giorno da una delle più amate e raffinate icone artistiche e di bellezza di sempre

    Jane Birkin offre finalmente i propri diari segreti al suo fedele pubblico, rivelando senza retoriche o adattamenti una vicenda umana complicata, tragica e meravigliosa

    Le «confessioni» sincere, vere, piene di fragilità e d’amore, della musa di Serge Gainsbourg, attrice, cantante, regista, scrittrice, madre di Charlotte Gainsbourg e Lou Doillon

    «Ho cominciato a scrivere il mio diario a undici anni, rivolgendomi a Munkey, il mio confidente; questo scimmiotto di peluche vestito da fantino, mi è stato regalato da mio zio, vinto a una lotteria istantanea, ha dormito al mio fianco, diviso con me la malinconia del convitto, i letti d’ospedale e la mia vita con John, Serge, Jacques, è stato testimone di tutte le gioie e le tristezze. Davanti alla devastazione delle mie figlie, ho deposto Munkey accanto a Serge nella bara in cui giaceva, come un faraone. La mia scimmia per proteggerlo nell’aldilà. Rileggendo i miei diari, mi appare evidente che non si cambia. Quello che ero a dodici anni, lo sono ancora oggi. I diari sono necessariamente ingiusti, si scoprono le carte, ci si lamenta, ci sono versioni di tutto, ma qui, c’è solo la mia… Ho adottato il principio di non aggiustare niente, e, credetemi, avrei preferito avere reazioni più mature o assennate di quelle che ho avuto…». Jane Birkin ha finalmente aperto il suo cassetto segreto, rivelando a tutti i suoi diari, dove appare la sua anima più sincera, vera, fragile. Ripercorrere attraverso le sue parole questa complicata, tragica e meravigliosa vicenda umana, ci permette di vivere senza nessuna retorica, nessun adattamento, nessuna mediazione, un pezzo importante della storia della musica, del cinema, della moda e dell’arte dell’ultima parte del Novecento.

    19,00 16,15 Acquista
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Simple Share Buttons