Free Call +39 055 3996466

Lidia Castellani, germanista, è una scrittrice fiorentina, traduttrice letteraria poliglotta, da sempre innamorata della letteratura russa. Suoi sono i romanzi "Mamma senza paracadute" (TEA 2009) e "Il corpo non sbaglia" (Salani 2010), vincitori rispettivamente del Premio Internazionale Unesco/Parigi per i Diritti Umani e del Premio Vitaliano Brancati per la letteratura.

Trova il tuo libro

Castellani Lidia / Ricerca per autore
  • In offerta!

    Marina Cvetaeva

    Lidia Castellani

    «Alla mia povera fragilità guardi senza sprecar parole. Tu sei di pietra, ma io canto. Tu sei un monumento, ma io volo».

    Esiliata dal suo Paese, incapace di appartenere al mondo, Marina Cvetaeva trova nella purezza della parola una connessione diretta con l’essenza delle «cose», con lo spirito più profondo dell’esistenza. I suoi versi sono il carburante che alimenta l’incendio perenne che le consente di vivere nell’unico Paese per lei possibile: quello dell’anima! Poesia, amore e vita sono per lei sullo stesso piano e non hanno confini. Con addosso il suo unico vestito marrone, Marina Cvetaeva va incontro all’altro (uomo o donna che sia) come fosse nuda e chiede un amore smisurato, possibilmente disincarnato, pretende di essere riconosciuta nella sua straordinaria unicità, esige l’incanto. E l’incanto arriva sotto forma di un triangolo amoroso costruito sull’assenza dei corpi che attraverso un epistolario memorabile la lega per sempre al poeta moscovita Boris Pasternak e a quello boemo Rainer Maria Rilke. Tutto il resto è delusione, materiale poetico per esprimere la condanna di chi non appartiene al presente, e in ogni persona sta stretto come in ogni sentimento. Affamata di vita, Marina Cvetaeva non è fatta per la vita, e a un certo punto si arrende andando a occupare il gradino più alto nell’olimpo di una generazione che ha distrutto tutti i suoi poeti.

    7,90 6,72 Acquista
Simple Share Buttons