Free Call +39 055 3996466

Dominique Sigaud, nata a Parigi nel 1959, è giornalista e autrice di romanzi e saggi. Tra il 1984 e il 1996 ha percorso in lungo e in largo l’Africa, di cui ha raccontato molte storie su giornali e riviste di tutto il mondo, fino ad aggiudicarsi il «Prix des Femmes Journalistes» per un suo articolo sul massacro del Rwanda. Una delle tematiche a cui si è dedicata più assiduamente è la Shoah. Tra i suoi libri più celebri: L’hypothèse du desert (1996) e Conte d’exploitation (2011).

Trova il tuo libro

Sigaud Dominique / Ricerca per autore
  • In offerta!

    Il caso Franz Stangl

    di Dominique Sigaud

    «Un punto di vista quasi del tutto inedito sulla Shoah, un libro che allarma e inquieta e che dà numerose chiavi per intuire quali pericoli ancora oggi si annidano nella nostra pacifica società» Le Monde

    Franz Stangl, nato in Austria nel 1908, ottimo poliziotto, arruolato nella Gestapo dopo l’Anschluss, l’annessione dell’Austria al Terzo Reich di Adolf Hitler, capace di fare una rapidissima carriera che lo porta a diventare prima sovrintendente e poi luogotenente del programma di sterminio T4, e infine comandante dei campi di Sobibor e Treblinka. La sua ultima promozione. Poi la disfatta, la fuga in Italia, i documenti e un’identità falsa, una seconda fuga in Brasile, ventidue anni di anonimato fino all’arresto nel 1967, e poi l’estradizione in Germania, il processo, la condanna all’ergastolo. Poco prima di morire rilascia una lunga intervista, che si conclude con una frase strana: «Per la prima volta oggi ho detto tutto, e adesso non ho più nessuna speranza». Speranza di cosa? Di un perdono? Di una dignità ancora possibile? Di dare agli altri una chiave per capire l’inaccettabile di ciò che è stato?
    Dominique Sigaud, giornalista e scrittrice con all’attivo già una ventina tra saggi, romanzi, reportage, coglie in quel dubbio finale qualcosa di completamente diverso da quanto è stato detto, negli anni, dai tanti altri assassini nazisti. Non ultimo Erich Priebke, come noi sappiamo bene. E allora decide di cercare di capire, e si mette sulle tracce di quest’uomo, ricostruendone tutto il percorso, la coerenza e la metodicità di un umile funzionario della follia, fino all’abisso. Un libro densissimo, inconsueto, inquieto, che racconta una ricerca e un’ossessione, che non cerca facili risposte ma si spinge in profondità nei dubbi, nelle paranoie, nell’inspiegabile che accomuna tutti gli episodi più sconvolgenti della storia del Novecento, partendo dalla Shoah per arrivare in Ruanda e nei Balcani. Il caso di Franz Stangl diventa così il paradigma di tutti quegli uomini x che “impeccabili, sull’attenti, si schierano dalla parte della catastrofe”.

     

    15,00 12,75 Acquista
Simple Share Buttons