Free Call +39 055 3996466

Classici

Trova il tuo libro

Ricerca per autore
  • In offerta!

    I venditori di Milano

    di Ottiero Ottieri

    Una commedia presentata a Milano nel 1960 e da allora introvabile, che viene riproposta oggi per riportare alla meritata attenzione uno degli autori fondamentali del Novecento Italiano. Tra sarcasmo e descrizione sociale, Ottieri tesse un dialogo tagliente, anticipando di molto anni temi che sarebbero divenuti centrali solo in tempi recenti

    A cura di Luca Scarlini

    Ottiero Ottieri (1924-2002) inizia le sue attività letterarie all’università di Roma traducendo opere del teatro elisabettiano. La passione per il dialogo, per la rappresentazione corale, come si dà in uno dei romanzi maggiori, I divini mondani, ritratto di un jet-set in fuga da se stesso, lascia poi lo spazio nei testi estremi, come il poemetto Il palazzo e il pazzo, a una ricerca che si fa decisamente monologante. I venditori di Milano è una commedia in tre atti rappresentata al Teatro Girolamo di Milano nel marzo 1960, per la regia di Virginio Puecher, protagonisti Mario Mariani, Mario Maranzana e Anna Nogara. Accolto favorevolmente dalla stampa, il testo viene edito da Einaudi nello stesso anno e mai riproposto fino ad oggi. La commedia fa parte del periodo “industriale” dell’autore: il tempo in cui parla di fabbriche e di automazione, a partire anche dalla sua esperienza alla Olivetti. In un’industria che produce frigoriferi si presentano le persone dell’ufficio marketing. Un mondo arido, in cui gli individui sembrano talvolta macchine, visto che tutti cercano a ogni costo di attenersi a una vera e propria oggettività obbligatoria. Lo scrittore guarda il mondo al microscopio, cogliendo i minimi scarti di un sistema apparentemente immobile e invece pieno di sorprese. Il protagonista, Davoli, alienato e robotico, infine si ribella e decide di fuggire verso un nuovo conformismo forse anche peggiore, diventando presentatore televisivo.

    10,00 8,50 Acquista
  • In offerta!

    Estasi di libertà

    di Stefan Zweig

    Il romanzo perduto di Stefan Zweig. La riscoperta di un capolavoro del Novecento.

    Estate 1926. Christine Hoflehner è una giovane e poverissima postina di un piccolo borgo austriaco. Un giorno riceve un telegramma di una zia lontana da tempo, che la invita a trascorrere con lei un periodo di vacanza – il primo della sua vita – in un lussuoso hotel a Pontresina. La ragazza scopre così un mondo da sogno, lontanissimo e impensabile se paragonato alla sua misera condizione; le invidie che Christine suscita per la sua grazia e il suo ingenuo entusiasmo rendono però il ritorno al paesino brusco e inevitabile, così come la conseguente depressione. Inizia allora a frequentare Vienna, dove conosce il coetaneo Ferdinand, come lei condannato a una vita di stenti e rinunce in seguito alla guerra. Combattuti tra il loro amore appena nato e lo squallore disperato a cui li mette di fronte la povertà, i due giovani si troveranno di fronte a una scelta radicale che potrebbe rovesciare le sorti della loro esistenza. Iniziato da Zweig nel 1931 e finito durante l’esilio a Londra per sfuggire ai nazisti, tra il 1934 e il 1938, Estasi di libertà è il romanzo che si credeva perduto del grande scrittore austriaco, pubblicato in Germania e in Francia nel 1982. Rimasto inedito nel nostro Paese fino al 2011, viene ora proposto anche in edizione economica in traduzione italiana.

     

    10,00 8,50 Acquista
  • In offerta!

    La leggenda del santo bevitore

    di Joseph Roth

    1,00 0,85 Acquista
  • In offerta!

    Cuore di tenebra

    di Joseph Conrad

    1,00 0,85 Acquista
  • In offerta!

    Le notti bianche

    di Fedor Dostoevskij

    1,00 0,85 Acquista
  • In offerta!

    Lo strano caso del Dr. Jekyll e Mr. Hyde

    di Robert Louis Stevenson

    1,00 0,85 Acquista
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Simple Share Buttons