Free Call +39 055 3996466

Saggi

Trova il tuo libro

Ricerca per autore
  • In offerta!

    Corruzioni

    di Carlo Dossi

    Con una nota di Alberto Arbasino

    Dai vent’anni e fino alla morte lo scrittore milanese Carlo Dossi (1849-1910) appuntò su certi quadernoni azzurri tutto quello che vedeva, tutto quello che pensava, tutto quello che sapeva. Per esempio, per quanto riguardava l’attività sessuale di Vittorio Emanuele II, scrisse: «Vittorio Emanuele fu uno dei più illustri chiavatori contemporanei. Il suo budget segnava nella rubrica donne circa un milione e mezzo all’anno mentre nella rubrica cibo non più di 600 lire al mese. A volte, di notte, svegliavasi di soprassalto, chiamava l’ajutante di servizio, gridando “una fumna! una fumna!” – e l’ajutante dovea girare i casini della città finché ne avesse una trovata, fresca abbastanza per essere presentata a S.M. […] Possedeva un membro virile così grosso e lungo che squarciava le donne più larghe. Con lui molte puttane riprovarono gli spasimi dello sverginamento. Il suo dottore di Corte avea un gran da fare a riaccomodare uteri spostati. […] Quel Giove terrestre, quando coitava, ruggiva come un leone. Amava che le donne gli si presentassero nude con scarpettine e calzette; e fumando sigari avana si divertiva a contemplarle. Ma ad un tratto lo pigliava l’estro venereo, e le sfondava tutte». Gli stupri del re d’Italia. L’immoralità dei politici. La vacuità dei filosofi. Le bassezze degli insegnanti. La cretineria dei burocrati. Il principe degli Scapigliati racconta l’Italia tra Ottocento e Novecento, degna madre di quella di oggi.

    12,90 10,96 Acquista
  • In offerta!

    Altre direzioni

    di Enzo Brogi

    «Immaginate di voler arrivare al mare, però davanti a voi c’è una montagna che nessuno ha mai osato scalare. Le opzioni sono due: o si continua a non andare al mare o ci si equipaggia di tante energie e si comincia a scalare la montagna. Si traccia un sentiero. Sono stati segnati diversi percorsi verso altre direzioni. Battaglie di civiltà per l’affermazione di diritti sacrosanti, bisogni per troppo tempo lasciati senza risposte o, ancor peggio, nascosti, come lo sporco, sotto il tappeto.»

    Prefazione di Lorenzo Jovanotti Cherubini; con scritti di Simone Cristicchi e Concita De Gregorio.

    Un viaggio nelle «periferie della nostra socialità». Enzo Brogi rompe qualche tabù nell’ordinario lavoro istituzionale e racconta le storie delle sue battaglie con una raccolta di scritti ospitati sulla stampa. L’autore è il proponente della prima legge regionale approvata in Italia per l’uso terapeutico della cannabis e di quella contro il gioco d’azzardo patologico. Da anni denuncia la situazione inaccettabile delle carceri italiane, un mondo a cui si avvicina grazie anche al suo legame con Adriano Sofri, e si spinge su temi come quelli del complicato rapporto fra disabilità e bisogno di sessualità. Riflessioni che nascono quasi sempre da incontri con persone e luoghi, dalla voglia di allargare spazi in cui troppo spesso vengono confinati diritti e destini. Un esercizio di umanità che parte, forse, proprio dal mettere in discussione il pregiudizio verso ciò che di frequente è tenuto lontano dal centro.

    15,00 12,75 Acquista
  • In offerta!

    P(r)eso di mira

    di Francesco Baggiani

    Se insulti un nero, sei razzista. Se insulti un gay, sei omofobo. Se insulti un ciccione, sei simpatico. Ma cos’è veramente l’obesità? È vero che le persone sovrappeso sono pigre e senza forza di volontà? E perché bambini e adulti obesi vengono comunemente scherniti, offesi, discriminati? La presa in giro, a scuola, in famiglia, come in tv, aiuta veramente il soggetto a «darsi una mossa», o costituisce una severa violazione dei diritti e un ostacolo per il benessere dell’individuo? Tutte le forme di derisione e vessazione di chi è «in carne», tutt’ora in molti ambienti tollerate e addirittura considerate legittime, sono oggi riconosciute come una grave forma di ingiustizia, che va sotto il nome di «discriminazione ponderale». Un libro dedicato a tutti gli oversize, ai genitori di bambini sovrappeso, agli insegnanti, gli allenatori, i medici, e a chiunque voglia conoscere il complesso mondo che si cela dietro le «grandi forme», per capire se stessi e gli altri, intraprendendo la strada del buonsenso e del rispetto di tutte le diversità.

    18,00 15,30 Acquista
  • In offerta!

    Sangue

    di Pippo Delbono, Giovanni Senzani

    Pippo Delbono, regista poeta ribelle che si autodefinisce sieropositivo omosessuale buddista e Giovanni Senzani, ex brigatista ergastolano tornato in libertà, si sono incontrati casualmente a teatro in occasione dello spettacolo Racconti di giugno di Pippo Delbono. È iniziato così un dialogo a partire dalle loro esperienze e dai loro vissuti del tutto diversi in cui sono emersi molteplici punti di coincidenza nella loro valutazione e percezione della situazione storica e politica in cui viviamo. I loro sguardi si sono intrecciati e hanno messo a fuoco immagini e pensieri che hanno portato a una collaborazione imprevista e sorprendente in campo teatrale e cinematografico. E che dimostra come sia possibile il dialogo tra due personalità tanto lontane. Un non violento convinto sostenitore della rivoluzione buddista e un marxista che ha praticato in passato la violenza della lotta armata per scopi rivoluzionari. Questo libro raccoglie i loro pensieri e le loro opinioni su questo mondo smarrito, irriconoscibile, che sembra aver perso identità e che si sta mangiando da solo giorno dopo giorno, per dirla alla Pasolini, e dove tutto è menzogna, dove la verità non emerge mai, ieri come oggi. E guardando fuori si interrogano profondamente su quello che hanno dentro. Alla fine questo libro, forse, vuole guardare oltre, andare avanti, pensare non tanto alla speranza che non si vede, ma alla fede, ancora, come una speranza proiettata all’infinito. 

    Contiene quaranta foto inedite dei due autori e un’opera grafica di Letizia Battaglia

     

    18,00 15,30 Acquista
  • In offerta!

    La Grande guerra giorno per giorno

    di Roberto Raja

    1914-2014. Cento anni fa, per la prima volta, il mondo intero venne devastato da una guerra mondiale che costò 25 milioni di morti e aprì un secolo di sangue e di distruzioni. Di solito i libri di storia raccontano le cause, le vicende e i retroscena di questa tragedia collettiva di cui ancora oggi paghiamo le conseguenze e che portò a un’altra guerra mondiale ancora più devastante e a decenni di guerra fredda e di ulteriori tragedie. Questo libro non affronta la Grande Guerra da questi punti di vista. Questo libro racconta semplicemente i fatti per come si sono svolti, in un’appassionante cronologia talmente completa ed esaustiva da diventare un esempio mai realizzato. Leggendo questo apparentemente asettico elenco di momenti e di avvenimenti ci si accorge di leggere la storia come se fosse uno straordinario romanzo, e si ha la possibilità di avere tutti gli elementi necessari a capire quel che avvenne esattamente cento anni fa e per interpretare anche l’oggi. Il piano dell’opera prevede: gli antecedenti, la cronologia dei fatti, i ritratti dei protagonisti, l’indice completo dei nomi e dei luoghi.

    Prefazione di Guido Ceronetti

    12,90 10,96 Acquista
  • In offerta!

    Gol di rapina

    di Pippo Russo

    A partire dagli anni Novanta il calcio ha subìto una mutazione genetica, da cui è uscito trasformato in termini sia culturali che economici. L’ex grande rito identitario di massa si è convertito in uno spettacolo di portata globale, caricato di significati diversi rispetto a quelli agonistici. Soprattutto, per molti attori esso è diventato uno straordinario business da colonizzare incontrando scarse resistenze. Sollecitato dalla pressione verso una modernizzazione vera o presunta, il calcio si è scoperto facilmente permeabile da soggetti e interessi man mano più opachi, ma tutti quanti accomunati da una caratteristica: l’ansia di fare del gioco una macchina da soldi, per poi distribuirli fuori dal calcio. Con l’inizio del XXI secolo il meccanismo è stato messo a punto, e dopo l’esplosione della grande crisi economica del 2007 – che ha colpito il calcio come ogni altro comparto economico – ha trovato condizioni favorevoli per diffondersi e legittimarsi. La situazione odierna parla di interi subcontinenti in cui il calcio è sotto il controllo di attori economico-finanziari esterni al calcio stesso: fondi d’investimento misteriosi con sede legale presso paradisi fiscali, oligarchi ansiosi di riciclare denari di dubbia provenienza, potentissimi agenti capaci di controllare eserciti di calciatori e allenatori impegnati presso i campionati d’ogni angolo del mondo. Una situazione che, nella migliore delle ipotesi, vede ampliare a dismisura la zona grigia fra legalità e illegalità. In questo volume si conduce una lunga e dettagliata inchiesta su personaggi, enti e circostanze la cui azione ha fatto sì che la globalizzazione del calcio avvenisse nel segno del malaffare. Un tema a proposito del quale in Italia vige una congiura del silenzio. Come se tutto ciò non riguardasse il calcio di questo paese. E invece la colonizzazione è già iniziata anche qui.

    15,00 12,75 Per saperne di più
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Simple Share Buttons