Free Call +39 055 3996466

La frenesia e la multiculturalità della parigina Gare du Nord raccontano il carattere composito della collana di narrativa contemporanea di Edizioni Clichy, dedicata alla scrittura di stampo letterario, principalmente francofona ma non solo: storie, esseri umani, vite, colori, suoni, silenzi, tematiche forti, autori dal linguaggio inconfondibile, senza timore di assumere posizioni di rottura di fronte all'establishment culturale e sociale o di raccontare abissi, sperdimenti, discese ardite ma anche voli e flâneries.

Trova il tuo libro

Ricerca per autore
  • In offerta!

    Un’inglese in bicicletta

    di Didier Decoin

    29 dicembre 1890. Wounded Knee, Sud Dakota. Un giornalista inglese assiste al massacro della tribù dei Lakota Sioux. Tra i pochissimi sopravvissuti c’è una ragazzina. Il giornalista la prende con sé, la porta in Inghilterra, la cresce, se ne innamora e infine la sposa. Così Ehawee, diventata dall’altra parte dell’Atlantico la piccola Emily, inizia la sua incredibile avventura. Da questa premessa inizia una vicenda tra storia, giallo, amore, mistero. Con una bicicletta che cambia un destino e cinque fotografie scomparse e poi ritrovate che sveleranno una verità nascosta e un passato che ritorna. Tra Dickens e Conan Doyle, un romanzo allo stato puro e un appassionato omaggio alla letteratura inglese della fine dell’Ottocento. Dopo un inizio in Cinemascope sulle pianure del West, l’autore fa galoppare il lettore tra New York e Londra, prima di cambiare ritmo così come si cambia un obiettivo della macchina fotografica, per esplorare il confine tra realtà e apparenza. I Sioux erano convinti che gli spiriti li avrebbero protetti dalle pallottole dei nemici, Conan Doyle e il suo circolo credevano agli elfi che danzano nei boschi. «Dietro la verità esiste un’altra verità, ma qual è la verità?» ha scritto John B. Frogg, frase che apre questo grande romanzo. Ma cos’è la menzogna, cos’è l’illusione? E chi è John B. Frogg?

    17,00 14,45 Acquista
  • In offerta!

    L’amore folle

    di Françoise Hardy

    «La straziante passione tra due esseri umani raccontata con una spietata precisione e una dolce, umana generosità» Livres Hebdo

    Con alle spalle una notorietà mondiale come cantante conquistata tra i Sessanta e i Settanta, da alcuni anni è di nuovo esploso il «fenomeno» Françoise Hardy, adesso in veste di scrittrice. Dopo il successo della sua autobiografia (intitolata Le désespoir des singes, che ha venduto oltre 450 mila copie) la Hardy ha adesso conquistato i lettori francesi con questo «romanzo-confessione», una storia d’amore dura e dolce, la cronaca di una passione che unisce due esseri diversi ma che si attraggono inevitabilmente e sono incapaci di separarsi. La Hardy soppesa e racconta le tappe che conducono una donna da un amore incondizionato alle sofferenze della gelosia e dell’assenza. Un libro eroticamente suggestivo, intenso, una specie di noir dei sentimenti che, come le sue celebri canzoni, racconta con sottile inquietudine i tanti lati dell’amore.

    15,00 12,75 Acquista
  • In offerta!

    Giovani, artisti e disoccupati

    di Cyrille Martinez

    «Un anomalo e divertentissimo romanzo che racconta in modo ironico e stravagante l’imperialismo americano. Cyrille Martinez è capace d’irritare tutti i benpensanti della morale e dell’arte con originale inventività» Libération

    A New York due giovani artisti disoccupati che si chiamano Andy Warhol e John Giorno si ubriacano di vernissage underground, serate perse e poesia sonora. Non sono ancora famosi, nemmeno pensano che lo diventeranno, e non li preoccupa troppo il fatto di doversi scontrare violentemente con il perbenismo del mondo dell’arte e con quello delle autorità. Noi sappiamo che diventeranno uno il guru della pop art e l’altro uno dei più grandi poeti beat di sempre, ma qui possiamo solo godere dell’ironia e della loro epopea comica, in cui si avverte in sordina una sottile inquietudine sul divenire dell’arte e della letteratura.

     

    14,00 11,90 Acquista
  • In offerta!

    Due sorelle

    di Michel Layaz

    «Michel Layaz con queste due folli e meravigliosa sorelle ci regala il suo libro migliore, e ci porta in quei prati incerti in cui la mente non ha quasi mai voglia di andare» L’Express

    Le due sorelle rispondono solo sì o no, e quasi sempre no. Non vogliono dire a nessuno che ci sono parole che devono rimanere sepolte sottoterra, o infilate nelle fenditure delle rocce, o nascoste sotto la schiuma delle onde, perché sono parole taciute o da non dire, sono parole che si sussurrano di nascosto, e che se ne infischiano di essere dette o sentite. Deve rimanere un segreto. Le due sorelle. Agitatrici la cui grazia selvaggia si ammanta di magia. Giustiziere ribelli. Angeli della morte. Specchio delle contraddizioni e delle ingiustizie del mondo. Adolescenti sovrane tra infanzia ed età adulta. Le due sorelle hanno il permesso di vivere sole nella loro casa, lo ha deciso il giudice. Il padre è rinchiuso in un manicomio, la madre vive a New York. È così, niente di strano, le due sorelle lo hanno accettato, amano i loro genitori per quello che sono. Vivono a un ritmo rapido, leggero, malizioso, a volte indemoniato, in una forma di allegria musicale in due tempi. Vicino a loro ci sono un grande albero, dei gusci di lumaca, del fil di ferro che hanno delicatamente appeso nella camera vuota del padre, e c’è anche un innamorato che autorizzano a venire a giocare, e un’assistente sociale che quando è con loro dimentica con gioia il lavoro che dovrebbe svolgere. Due sorelle è un romanzo sospeso tra leggerezza e inquietudine, tra magia e incubo, tra luce dell’infanzia e abisso della follia. Una sorta di Pippi Calzelunghe scritto dopo un elettrochoc.

     

    14,00 11,90 Acquista
  • In offerta!

    Una buona ragione per uccidersi

    di Philippe Besson

    «Un romanzo nel quale appare uno dei più bei ritratti femminili della letteratura recente, che troppo spesso dimentica di essere la voce di chi non ha voce. Una buona ragione per leggere Besson» Le Magazine Littéraire

    Il 4 novembre 2008, a Los Angeles, mentre l’America si prepara a eleggere il suo primo presidente di colore, Laura, in preda a una rassegnazione che pare insormontabile, e Samuel, devastato dalla morte del figlio, vacillano sul bordo del precipizio, insensibili all’entusiasmo che sta percorrendo il loro paese. Non si conoscono. I loro destini si incroceranno. Potranno salvarsi a vicenda? Romanzo sulla malinconia moderna, Una buona ragione per uccidersi esplora il sentimento di vuoto nel quale sprofonda la società contemporanea. Per descrivere questa solitudine, questi legami sempre più labili tra gli individui, Philippe Besson si concentra sui gesti meccanici che formano il nostro quotidiano, soffermandosi su un unico giorno, amplificandone ogni dettaglio, ingrandendolo e ponendolo sotto una luce spietata. Perché in fondo lo scorrere del tempo è tutto quello che rimane agli sconvolgenti personaggi di questo romanzo. Omaggio al film Una giornata particolare di Ettore Scola, al quale si richiama, questo libro evoca sullo sfondo un’America malata, ma ciò che ne emerge è qualcosa di ancora più vasto, e cioè che la disperazione, tra tutte le minacce che possono colpirci, è sicuramente la più spaventosa.

    16,00 13,60 Acquista
  • In offerta!

    La conversazione

    di Jean d'Ormesson

    «Ci sono momenti in cui la storia sembra esitare prima di prendere le sue strade: Annibale quando decide di varcare le Alpi con i suoi elefanti per colpire al cuore Roma; Cesare sulle rive del Rubicone; il generale de Gaulle all’alba del 17 giugno 1940, quando sale sull’aereo che lo porterà a Londra, verso una resistenza che potrebbe apparire senza speranze. è uno di questi lampi che ho cercato di esplorare: l’istante in cui Napoleone, adorato dai francesi che ha portato fuori dall’abisso, decide di diventare Imperatore». Una sera d’inverno, nel 1803, al palazzo delle Tuileries, a Parigi: in scena Bonaparte e il suo secondo console, Jean-Jacques Régis de Cambacères, colui al quale Napoleone non nasconde niente, al quale chiede tutto. Al colmo della tensione tra spirito rivoluzionario e avidità di potere, il vincitore, l’uomo del destino, cerca di avvicinare il suo complice alle proprie convinzioni: costruire da solo la propria leggenda vivente, dimostrare che l’Impero sarà la Repubblica che sale sul trono. Utilizzando solo frasi realmente scritte da Bonaparte o a lui attribuite da documenti storici, l’accademico di Francia Jean d’Ormesson costruisce, con la consueta leggerezza e profondità, un’immaginaria conversazione del futuro Imperatore con Cambacères, poco prima dell’istante cruciale: tra le digressioni sulle abitudini alimentari di Napoleone e la discussione sul ruolo che la Chiesa deve ricoprire in uno stato, le previsioni sulla posizione francese nel grande scacchiere d’Europa e la querelle dello scialle armeno che oppone la moglie Josephine e la sorella Caroline, in queste pagine prende forma, nella sua interezza, l’ambizione nel momento in cui si trasforma in Storia. Poichè, in fondo,«la politica è la forma moderna della tragedia. Sostituisce nel nostro teatro l’antico fato».

    12,00 10,20 Acquista
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Simple Share Buttons