preloader
Torna in cima
Condividi

Presentazione: Le perle di Jutta

Venerdì 11 dicembre 2020 alle ore 21

Antonello Saiz con la partecipazione di Flavia Piccinni e Tommaso Mozzati presentano il romanzo inedito di Irene Brin Le perle di Jutta

In diretta su Bookadvisor

 

Le perle di Jutta

Nella meravigliosa Villa Rossi di Sasso di Bordighera, la casa di famiglia in cui Irene Brin trascorse lunghe estati e trovò sempre conforto, un baule di pelle ha saputo custodire un prezioso segreto per ottantadue anni: Le perle di Jutta, il primo e unico romanzo firmato dall’autrice. Il testo inedito, struggente e stupefacente, è ambientato in una località di villeggiatura alla moda tra le due guerre, fra magnati facoltosi, nobili decaduti, socialites temerarie e cinici gigolò. Scoprendo la vita della contessa Jutta Hohenau – famosa per perder «sempre qualcosa, l’occhialino, il cane, un guanto, un marito, le perle» – il lettore conoscerà così la storia di altri cinque prodigiosi personaggi di inizio Novecento, divisi tra sogni aristocratici e miti di celluloide. Tutti si riveleranno inaspettatamente contemporanei per i loro vizi e le loro ambizioni. Ma sarà il corso di un’unica notte, di una sola soirée elegante, che risolverà le loro vite, mostrandone le aspirazioni fallite e i desideri di rivalsa, gli amori naufragati e i tentativi di nuove conquiste. A orchestrare il tutto l’elegante e sorprendente capacità narrativa di Irene Brin, che con questo incredibile e perduto romanzo – curato da Tommaso Mozzati e Flavia Piccinni – si rivela in tutto il suo talento senza tempo.

Irene Brin

Maria Vittoria Rossi, alias Irene Brin (1911-1969), è stata una delle firme più celebri del giornalismo italiano dagli anni Trenta ai Sessanta e una delle personalità di primissimo piano del panorama culturale: dalla critica di costume alla moda, dal cinema al mercato dell’arte, dalla letteratura al jet-set del secondo dopoguerra, la sua penna seppe imporre uno sguardo al femminile su fenomeni di grande rilevanza per la società italiana nel passaggio dalla dittatura fascista alle meraviglie del boom economico.