preloader
Torna in cima
Condividi

Cinquecento microracconti dove non c’è limite alla malvagità dell’io narrante. Un “io” che accumuna tutti noi: “Microfictions” di Régis Jauffret