Free Call +39 055 3996466

Può sembrare un azzardo intitolare una collana a un cimitero, ma il Père Lachaise è da sempre molto più di questo: è un luogo di memoria storica e culturale, monumentale, di culto anche pagano, di scoperta delle proprie radici. Questa collana ospita autori fondamentali della letteratura mondiale di quali proponiamo testi inediti o ormai perduti, con il «recupero» di autori anche meno noti ma di grande rilevanza letteraria. Tutti i libri hanno una elegante veste editoriale e grafica, traduzioni accurate e apparati critici redatti da importanti esponenti della critica e della filologia letteraria.

Trova il tuo libro

Ricerca per autore
  • In offerta!

    La duchessa d’Estramène

    di Du Plaisir

    «Un misconosciuto piccolo capolavoro del Seicento il cui autore, nascosto da pseudonimo, viene finalmente svelato» 

    Romanzo inatteso nel panorama narrativo seicentesco, La duchesse d’Estramène (1682) non ignora il modello ormai affermato della Princesse de Clèves, ma guarda altrove. Scarne indicazioni iniziali situano la vicenda intorno al 1670, tra le corti di Francia e d’Inghilterra. L’azione, tutta interiore, si svolge in uno spazio astratto non molto dissimile da quello delle tragedie raciniane. In un alternarsi di scene di dialogo e di lunghi monologhi interiori, viene narrata un’insolita storia di personaggi manovrati da un abile e crudele regista, che recitano una commedia cortigiana. In rari momenti la forza delle passioni fa cadere le maschere e l’azione volge al tragico. L’esito è paradossale: un lieto fine, vagamente sospetto, vede la protagonista rinunciare all’«amore-passione» in nome dell’«amore-stima» e la trasformazione in marito esemplare di un gentiluomo che aveva sempre manifestato un’invincibile avversione per l’«odioso giogo» del matrimonio. Omosessualità domata?

    12,00 10,20 Acquista
  • In offerta!

    Le chiavi nel pozzo

    di Lorenzo Viani

    Il racconto della follia attraverso le storie dei «pazzi di Magliano» che saranno poi raccontati da Mario Tobino, in una raccolta espressionista che si rivela un pezzo fondamentale, anche se poco frequentato, della letteratura italiana.

    Lorenzo Viani, nato a Viareggio nel 1882 e morto sul Lido di Ostia nel 1936, è stato un autentico genio dell’arte, un anarchico e uno scrittore di indubbio talento, esponente di punta dell’«espressionismo dialettale». Di tutti i suoi scritti, Le chiavi nel pozzo, pubblicato nel 1933, anomala raccolta di «impressioni» in chiave espressionista che raccontano il manicomio di Magliano, quello che sarà poi raccontato nel dopoguerra da un altro grande viareggino, Mario Tobino, rimane certamente la prova più alta e più «universale», con la sua coraggiosa discesa negli inferi del manicomio, con il suo calarsi in quell’ambiente di rivolta, per attentare, quasi fosse un Bianciardi ante litteram, alla morale borghese, alla letteratura e all’arte ufficiali.

    10,00 8,50 Acquista
  • In offerta!

    Il tiranno Banderas

    di Ramón del Valle Inclán

    Un complesso affresco umano, politico, storico e culturale che restituisce un quadro esatto dell’America coloniale spagnola.

    In un imprecisato paese dell’America latina degli anni Venti, il dispotico caudillo Santos Banderas governa con il terrore e la repressione più feroce. Banderas incarna dunque i tratti di ogni dittatura totalitaria: ne risulta un complesso quadro storico e sociale in cui la parte è sempre il tutto, capace di escludere qualsiasi interpretazione eroica e individuale degli eventi narrati. Considerata tra le opere più innovatrici della letteratura spagnola del novecento, Il tiranno Banderas mette al centro i gruppi sociali, i movimenti politici e, in ultima sintesi, la Storia.

    14,00 11,90 Acquista
  • In offerta!

    Racconti

    di Marcel Proust

    Questa raccolta – curata da Giuseppe Girimonti Greco e Ezio Sinigaglia – contiene una scelta di testi narrativi giovanili di Proust, tratti da I piaceri e i giorni (1896) – il noto esordio del futuro autore della Recherche – a eccezione dell’Indifferente, che l’autore eliminò dalla raccolta e di cui si ignorava l’esistenza fino alla fine degli anni Settanta del Novecento. In questa collezione emergono già con grande nettezza di contorni i temi e i motivi che saranno poi centrali, quando non addirittura ossessivi, nel capolavoro narrativo di Proust.

    12,00 10,20 Acquista
  • In offerta!

    Nella corrente

    di Joris Karl Huysmans

    In questo libro emergono già chiaramente i temi di À Rebours: l’unica soluzione per l’uomo è perdersi ed estinguersi nella corrente…

    Solitario, vagabondo, perso «nella corrente» di una Parigi dalla toponomastica sconvolta, il piccolo impiegato Folantin è un dandytravet che sogna la bellezza e l’armonia ma viene continuamente deluso dalla realtà. Huysmans, caposcuola del decadentismo letterario europeo, col romanzo Nella corrente vuole rappresentare il signor Folantin come l’altra faccia – la più sofferta, patetica e forse più vera – della scintillante moneta con l’effigie del dandy di lusso Des Esseintes, protagonista di À rebours, classico del dandismo.

    8,00 6,80 Acquista
  • In offerta!

    Non piangete la mia morte

    di Bartolomeo Vanzetti

    Il 23 agosto 1927, alle ore 0.19, venne giustiziato sulla sedia elettrica Nicola Sacco. Alle 0.26 toccò a Bartolomeo Vanzetti. Due anarchici. Due italiani in un’America che temeva già il comunismo come uno dei peggiori mali di sempre. Ma la storia di Sacco e Vanzetti, accusati di aver preso parte ad una rapina uccidendo un cassiere e una guardia e uccisi sulla sedia elettrica nonostante le prove evidenti della loro innocenza, non si chiuse con la loro morte. La loro è una delle più note storie d’ingiustizia, che va oltre la cronaca per diventare qualcosa di molto più grande e simbolico. In questo volume sono raccolti gli scritti di Vanzetti: Una vita proletaria, una sorta di autobiografia, le Lettere ai familiariUltime parole ai giuridi, la requisitoria che fece ai giudici che di lì a poco lo avrebbero condannato a morte. Sono testi che ci parlano di un uomo, dei suoi amori, dei suoi affetti, delle sue debolezze, ma anche della sua ferma idealità politica. E anche del valore assoluto dell’anarchia, che nelle parole del pescivendolo piemontese che divenne simbolo del martirio contro il potere oppressivo si rivela nella sua essenza libertaria, umanitaria, solidale.

    12,00 10,20 Acquista
Simple Share Buttons