Free Call +39 055 3996466
In offerta!

Rio Belgrano

di Vittorio Grimaldi

Rio Belgrano è un thriller socio/economico/politico, ambientato nell’Argentina degli anni ’80. Protagonista un avvocato italiano che, convocato a Buenos Aires per gestire un losco trasferimento di fondi, si trova ben presto coinvolto nelle attività della resistenza locale contro la politica di desapareciones messa in atto dal Governo. La principale caratteristica del romanzo è quella di innestarsi su situazioni (lo scenario politico argentino dei tempi) e personaggi (Roberto Calvi, Michele Sindona, Paul Marcinkus, Karol Woytila…) realmente esistiti, con la conseguenza che tutto quanto è fiction viene percepito dal lettore come altrettanto reale. La vicenda si svolge negli anni che precedono la tragica scomparsa di Roberto Calvi, il cui “suicidio”, secondo la tesi del romanzo, è orchestrato dai servizi segreti inglesi, come punizione per gli aiuti finanziari concessi dal Banco Ambrosiano alla giunta militare argentina. Gli interessi degli inglesi a boicottare i finanziamenti dell’Ambrosiano coincide con quello dell’Ordine dei Gesuiti i cui allievi sono sistematicamente massacrati dal Regime di Videla. Il giovane avvocato italiano si rende conto che, se adempie fino in fondo al suo mandato, diventa complice di un governo di assassini. L’educazione ricevuta nei collegi dei Gesuiti e la scoperta che fra i desaparecidos c’è il figlio di un amico, lo inducono ad una scelta drammatica, al limite dell’infedele patrocinio, che mette a rischio la sua professione. In tutto questo si intreccia la storia d’amore con la bella Lucia, una donna che ricorda vagamente la “Niña -mala” di Mario Vargas Losa. Lucia ora si concede, ora sfugge; ama il lusso, i titoli nobiliari e, anche se attratta, guarda con alterigia il semplice avvocato, fino ad una svolta che sembra riscattare una condotta di vita non proprio esemplare.

15,00 12,75

Sconto web 15% e spedizione postale gratuita per ordini superiori a 30€

Ti potrebbe interessare…

Simple Share Buttons