Free Call +39 055 3996466

Trova il tuo libro

Ricerca per autore
  • In offerta!

    Le perle di Jutta

    Irene Brin

    Nella meravigliosa Villa Rossi di Sasso di Bordighera, la casa di famiglia in cui Irene Brin trascorse lunghe estati e trovò sempre conforto, un baule di pelle ha saputo custodire un prezioso segreto per ottantadue anni: Le perle di Jutta, il primo e unico romanzo firmato dall’autrice. Il testo inedito, struggente e stupefacente, è ambientato in una località di villeggiatura alla moda tra le due guerre, fra magnati facoltosi, nobili decaduti, socialites temerarie e cinici gigolò. Scoprendo la vita della contessa Jutta Hohenau – famosa per perder «sempre qualcosa, l’occhialino, il cane, un guanto, un marito, le perle» – il lettore conoscerà così la storia di altri cinque prodigiosi personaggi di inizio Novecento, divisi tra sogni aristocratici e miti di celluloide. Tutti si riveleranno inaspettatamente contemporanei per i loro vizi e le loro ambizioni. Ma sarà il corso di un’unica notte, di una sola soirée elegante, che risolverà le loro vite, mostrandone le aspirazioni fallite e i desideri di rivalsa, gli amori naufragati e i tentativi di nuove conquiste. A orchestrare il tutto l’elegante e sorprendente capacità narrativa di Irene Brin, che con questo incredibile e perduto romanzo – curato da Tommaso Mozzati e Flavia Piccinni – si rivela in tutto il suo talento senza tempo.

    14,00 13,30 Acquista
  • In offerta!

    Sembrava ancora di giocare

    Mario Rosso

    Storie familiari in una Sardegna arcaica e fascinosa. Vite aspre, coraggiose, sofferte. Incontri inquietanti e apparizioni. Una natura fiera e ancestrale.
    E poi il confronto con l’emigrazione e l’industria. Una vita e molte storie di sofferta profondità.

    Storie e memorie con poche pretese e nessuna ambizione, nate come un regalo a futura memoria, appunto, per i nipoti. Sostituiscono le narrazioni intorno al camino nelle serate d’inverno o le chiacchierate seduti al fresco nel cortile di casa, che forse in un’epoca ormai lontana, da nonno, o da patriarca, avrei voluto poter raccontare loro. Scrivo per salvare quanto rimane dall’inevitabile oblio, giacché ciò di cui non si è scritto non è mai esistito, come già sapeva Assurbanipal. Ma soprattutto perché siamo al tumultuoso inizio di un’inconcepibile trasformazione dell’umanità, che potrebbe rendere in pochi anni la lettura un vezzo antico e quasi sconosciuto, e di certo cambierà radicalmente i modi di pensare, capire, comunicare e ricordare.
    Forse queste pagine un giorno aiuteranno i nipoti a dare un senso e a governare tutto questo, e a fare il miglior uso delle possibilità che verranno loro offerte. Non troveranno certezze, lezioni, formule magiche. Non sono storie di successi, di eroi o trionfatori, di ricchi e famosi, ma di gente molto comune, spesso più sconfitti e sofferenti che felici e contenti. Ma qualcosa insegnano. Ciò che rende ciascuno di noi veramente umano e degno di esserlo è la forza di portare avanti la propria vita, qualsiasi essa sia, al meglio possibile, continuando a fare ciò che dentro di noi sappiamo di essere venuti a fare su questa terra. Mantenere testardamente e serenamente l’integrità delle nostre azioni facendo quel poco che possiamo per mantenere l’ordine del mondo, difendere un ideale di ragione, umanità e giustizia in un mondo che spesso appare ossessivamente votato all’autodistruzione.

    18,00 17,10 Acquista
  • In offerta!

    Cose dell’altro mondo

    Giorgio Biferali e Elisa Puglielli

    Un giro del mondo attraverso quaranta storie incredibili eppure assolutamente vere

    Dalla metropolitana di Grenoble, dove ti stampano uno scontrino con su scritto un piccolo racconto lungo tanto quanto il tempo d’attesa del treno, al Texas, in cui c’è un professore che ha vissuto per un anno in un cassonetto, dalle strisce pedonali luminose in Spagna alla scoperta del peso delle nuvole in Colorado, fino in Giappone, dov’è possibile sposarsi con un ologramma, quaranta microracconti illustrati per capire in che mondo folle e meraviglioso viviamo, senza saperlo. Storie leggere, immaginarie, che sembrano quasi impossibili, ma che provengono tutte da quella cosa bellissima che tutti noi chiamiamo realtà.

    17,00 16,15 Acquista
  • In offerta!

    Cesare Pavese

    Fabrizio Parrini

    A settant’anni dalla sua tragica morte, Cesare Pavese rimane uno dei grandissimi della nostra letteratura, ancora oggi letto, amato e studiato. Ma chi è stato davvero? Cosa gli bruciava dentro? Calvino definiva la sua opera poetica Lavorare stanca «una delle voci più isolate della poesia contemporanea». In un tempo di poesia ermetica, il verso lungo pavesiano e la poesia-racconto sono lontani dal contesto letterario e dal gusto del pubblico. In un periodo di neorealismo, la sua scrittura viene assimilata al romanzo politico e civile. Ma per Pavese conta solo il rapporto tra arte e vita. Scrittore pieno di conflitti e contraddizioni, Pavese possiede soprattutto una sensibilità profonda di natura decadente. Il suo vero tema è l’incapacità di affrontare l’esistenza: vivere è un «mestiere» da apprendere con dolore e sgomento. E quasi sempre invano. L’arte allora diventa un sostituto dell’esistenza che non si riesce a vivere e l’unico equilibrio possibile, anche se precario, scaturisce dalla scrittura. Per questo piegare la propria natura lirico-elegiaca a esigenze ideologiche sarà per Pavese sempre un tentativo irrisolto.

    7,90 7,51 Acquista
  • In offerta!

    Nelle foreste di Borneo

    Odoardo Beccari

    La ripubblicazione integrale di un caposaldo della letteratura di viaggio. L’affascinante  viaggio di un naturalista fiorentino nella Malesia di Sandokan e del Raja bianco

    Londra, primavera 1865. È l’era delle grandi esplorazioni, potenti Stati coloniali si contendono posizioni strategiche fino ai confini del mondo «civilizzato»: sullo stesso fronte, i coloni a imporre un ordine nuovo e gli scienziati a registrare l’esistente. Terre lontanissime, tribù primitive, selve impenetrabili e creature mai osservate attraggono la fantasia di un giovanissimo studioso fiorentino, venuto qui per conoscere il poco che si sa della lontana isola di Borneo. Sta per iniziare il suo primo e più importante viaggio in quella terra, nel corso del quale percorrerà in lungo e in largo la giungla del Sarawak registrando dati, raccogliendo migliaia di reperti scientifici ed entrando in profondo contatto con le comunità indigene. Tre anni vissuti spesso in completo isolamento, in luoghi inesplorati e tra popoli primitivi, senza rimpianto per gli agi e le tecnologie di casa. Tre anni che Beccari si trova a descrivere, dopo quasi quarant’anni, in un racconto di viaggio suggestivo, dove la spigolosità del carattere e il rigore dello scienziato si fondono inaspettatamente con la poetica nostalgia per gli anni giovanili. A cento anni dalla morte, il Museo di Storia Naturale di Firenze, che conserva i suoi lasciti più preziosi, lo celebra con una mostra sul suo primo viaggio e la riedizione di questo caposaldo della letteratura di viaggio, corredata di saggi critici che approfondiscono il personaggio, i luoghi e le talora drammatiche alterazioni che il Borneo di oggi ha subìto rispetto a quello che fu percorso da Odoardo.

    25,00 23,75 Acquista
  • In offerta!

    La ballata di Sant’Orsola

    Benedetto Ferrara

    Un libro amaro, acido, notturno, ma anche irrimediabilmente divertente, che mette insieme narrativa, inchiesta antropologica, storia, nostalgia e un disperato amore per gli esseri umani

    Scritto dal noto giornalista di «la Repubblica» che con il suo blog «Farfalle» è anche uno dei più seguiti e amati opinionisti del Web

    Tre ottuagenari ex frequentatori di un circolo del centro fiorentino, un personaggio dal nome improbabile che risolve ogni problema forte di una biografia surreale e il protagonista, ex barista del circolo del tempo che fu ed ex giornalista in cerca di identità che si arrabatta, aiutato dai quattro, nel cercare di risolvere casi che si trasformano in commedie dell’assurdo. Sullo sfondo la Firenze di oggi e quella degli anni Settanta, vissuta attraverso una storia parallela nata dal dialogo con una terapista seduta nella sua stanza ad ascoltare storie. Si ride, si riflette, ci si commuove, aspettando un colpo di scena che puntualmente arriverà. Ma forse non dove lo si sta aspettando. Sullo sfondo il monastero di Sant’Orsola, luogo dell’anima dove tutto ha inizio e dove tutto trova la strada per ricominciare.

    15,00 14,25 Acquista
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Simple Share Buttons